Il lusso della libertà firmato Picnic Chic

LUXURY PRÊT-À-PORTER

Ci racconta l’idea Antonietta Acampora, fondatrice di Picnic Chic

 

“Conosco molto bene i bisogni di chi ama mangiare all’aperto per gustare la bellezza dei panorami a 360° e insieme ho ben presenti, grazie alle mie esperienze professionali precedenti, i bisogni delle aziende che alimentano l’enogastronomia locale e la potenzialità delle loro strutture e dei territori italiani: Picnic Chic incarna queste due anime, e lavora proprio su questi binari”

 

 

 

Quanto è importante nel vostro progetto l’idea di territorialità e stagionalità?

Moltissimo. L’Italia ha un patrimonio enogastronomico e paesaggistico unico e il rispetto della stagionalità è importante, fa parte della valorizzazione delle eccellenze del territorio; come Picnic Chic siamo molto attenti a questo. Le aziende che aderiscono al portale offrono esperienza di degustazione proprio abbinate a territorio e stagionalità dei prodotti.

 

Ci racconti l’iniziativa Picnic in cantina?

Tutto è nato grazie alla nostra partnership con il Movimento Turismo del Vino stretta nel 2019: il presidente Nicola D’Auria ha subito colto la potenzialità del picnic abbinata al settore e così abbiamo collaborato per creare una rete di aziende vinicole e cantine che hanno inserito il picnic come ulteriore esperienza di degustazione, incontro, conoscenza. A gennaio, dopo un incontro plenario a Roma anche con il Ministero delle Politiche agricole e il Movimento Turismo del Vino Nazionale, ho proposto di realizzare un evento nuovo e unico, che abbiamo chiamato appunto Picnic in cantina.

 

 

Per leggere l’intervista completa, vi basta cliccare QUI