PIGIARE L’UVA … E TORNARE BAMBINI – I VOSTRI MOMENTI SPECIALI CON NOI

by Antonietta.

L’esperienza di un evento fatto su misura made PicNic Chic

Esperienza dopo esperienza, da anni il mio lavoro mi permette di conoscere realtà meravigliose e di condividere con le persone i loro momenti speciali, che resteranno per sempre impressi nella memoria tra i più bei ricordi.

La scorsa domenica ho partecipato a un evento organizzato su misura da me e dallo staff Picnic Chic in collaborazione con una delle aziende partner, per un momento unico e irripetibile di una nostra cliente: il suo speciale addio annubilato in vigna con pigiatura dell’uva e picnic personalizzato.

Ogni volta è come se fosse il primo evento organizzato, che riaccende in me quell’emozione di un’esperienza fatta su misura, che sancisce un evento di vita ancor più importante.

CANTINA VINI PIANA IN MONFERRATO

Rigorosamente a conduzione familiare, il nostro evento è stato ospitato dalla Cantina Vini Piana in Monferrato, dove il titolare Armando e la sorella Michela con due bellissimi nipotini, ci hanno accolto e ospitato durante tutta la giornata, accompagnandoci con allegria nelle nostre attività. Un’azienda simbolo della tradizione piemontese che da tre generazioni unisce il passato e il gusto dei tempi moderni.

La prima attività della giornata è stata la raccolta dell’uva moscato, con cesti e appositi contenitori dove riporla ordinatamente, con un po’ di fatica e tanta tanta allegria. Abbiamo fatto poi ritorno in cantina per il momento dedicato alla pigiatura dell’uva all’interno del rimorchio, altra fase importantissima della vendemmia dove si sa, bisogna sporcarsi un po’ i piedi! Affamate dopo il “duro” lavoro, ci aspettava poi un ricco picnic allestito nel vigneto a base di prodotti tipici locali: salame cotto, formaggi di capra, bagna cauda e tanti vini della casa. Il tutto con musica e canti, terminato con l’immancabile amaretto locale alle luci del tramonto.

I VOSTRI MOMENTI FELICI ED ESCLUSIVI

Un momento rigenerante per corpo e anima, con le amiche del cuore. La cosa più bella è stata vedere la gioia negli occhi della futura sposa, contenta e stupita, così come le sue amiche, per una nuova esperienza mai fatta prima.

Felici come delle bimbe, è stato un vero e proprio ritorno all’infanzia”.

Un altro tassello di felicità aggiunto alla mia lunga esperienza. Ogni evento è infatti unico e diverso, che sprigiona emozioni e mi permette di collezionare ricordi indelebili.

Salutate le amiche, contenta della riuscita dell’evento personalizzato, la sera sono stata accompagnata da Armando e Michela a visitare il loro borgo, per cenare nell’unico ristorante aperto del Paese, dove ho potuto assaporare i piatti della tradizione locale. Il Borgo di Mombaruzzo, famoso per la produzione di amaretti, è un piccolo comune piemontese dai sapori antichi, dove tutti si conoscono e si salutano per strada, proprio come una volta. Un’altra esperienza all’insegna dei sapori antichi e delle usanze locali … proprio come piace a me.

Dopo una notte rigenerante ospite della cantina, la mattina seguente per loro iniziava la vera e propria vendemmia, che da lì a qualche settimana avrebbe visto sui tavoli il frutto del loro sforzo condiviso. Così li ho ringraziati e salutati, lasciandoli all’inizio di uno dei periodi più floridi della natura vitivinicola.

Alla prossima avventura!

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI ALLA CANTINA VINI PIANA

E ORGANIZZA ANCHE TU IL TUO EVENTO SPECIALE CON NOI

Se scegliete un Picnic Chic, ricordatevi di lasciare una recensione della vostra esperienza sulla pagina FB Picnic Chic oppure taggateci sulle storie Instagram @picnic_chic_

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL PICNIC: UN AMORE SENZA TEMPO

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL PICNIC: UN AMORE SENZA TEMPO

by Antonietta.
Un connubio senza tempo, una passione ... alla ricerca di nuove piccole realtà da scoprire e tradizioni locali del territorio, ora anche in forma itinerante.

La mia passione da sempre, che ho coltivato negli anni e di cui ho fatto un vero e proprio lavoro, senza mai annoiarmi, è il PicNic. In tutte le sue forme e in compagnia di chi amo: al mare, in montagna, tra le colline sperdute e piccoli borghi tutti da scoprire. Un contatto genuino con la natura e con le sue meraviglie, sperimentando e scoprendo cosa ha da offrirci ogni giorno di più.

Se la tradizione del PicNic nasce in Inghilterra, per poi transitare per la Francia, ecco che in Italia scopre e si fonde con le tradizioni enogastronomiche locali, creando un connubio senza tempo. Una coperta a quadri, del buon vino e qualcosa da spizzicare. Senza tralasciare la musica e qualche lucina per dare la giusta atmosfera in orario serale. Per ritagliare del tempo per sé o per stare in compagnia, pochi e semplici ingredienti per creare una giornata indimenticabile, fuori dal caos cittadino e dalla routine quotidiana. Da qui tutto è nato, una passione diventata lavoro, che poi tanto lavoro non è se ami quello che fai!

18 GIUGNO: GIORNATA INTERNAZIONALE DEL PICNIC

Proprio in onore della giornata internazionale del PicNic, ho deciso di lanciare un nuovo modo di vedere e sperimentare il picnic, in forma itinerante, valorizzando il territorio e le sue bellezze. Per chi ama il movimento, per chi vuole la compagnia dei suoi amici pelosi o per chi semplicemente apprezza le piccole realtà locali e ama scoprirne di nuove.

Il mio obiettivo è quello di andare alla ricerca di nuove realtà da scoprire e a mia volta far scoprire e valorizzare, nella sua genuinità e qualità. Grazie a questa nuova formula del PicNic itinerante, si utilizza la modalità del PicNic come esperimento per conoscere il territorio, prodotti e nuove aziende associate.

Sarà fornita una mappa con percorso e tappe segnalate, per poter trovare con facilità tutti i punti di ristoro e le cantine in cui fermarsi a bere un bicchiere di vino e assaporare cibi locali a km 0. Un’esperienza immersiva a 360° guidati dalla natura, proprio come una volta, un ritorno alla terra e alle sue radici. E se anche voi siete amanti della natura e del buon vino, non resta che brindare assieme!

Buona giornata del PicNic a tutti!

Prova anche tu le esperienze: A SPASSO LENTO PER BORGHI scelte per l’occasione!

Per seguire tutti i miei viaggi, gli aggiornamenti e gli eventi che verranno, consultate sempre i nostro sito e rimanete connessi con le nostre reti social instagram @picnic_chic_ e facebook .

8 MARZO: IL VALORE DELLA CONDIVISIONE TRA DONNE

8 MARZO: IL VALORE DELLA CONDIVISIONE TRA DONNE

by Antonietta.

Una giornata all’insegna dei diritti e delle conquiste del genere femminile, per ricordarne l’importanza nella società, la sorellanza e non dimenticare dei momenti per sé.

Come in molti sanno, oggi si celebra la ricorrenza dell’ 8 marzo, meglio conosciuta a livello italiano ed Europeo, come la giornata dedicata alla donna, che si sostiene in tutte le sue virtù e caratteristiche. Una giornata in cui regalare fiori e cioccolatini ma non solo, da qui l’importanza di regalarsi momenti di relax, gratificarsi e non dimenticare il valore che la donna ha sempre avuto e che si è guadagnata nel tempo. Ma la verità è che attorno  a questo giorno ruotano un’infinità di stereotipi e rituali comandati, a volte dimenticandosi il vero scopo della celebrazione in giallo.

Se la Giornata internazionale dei diritti della donna ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche che hanno ottenuto nel tempo con forza e coraggio; ricorda e ribadisce anche le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in tante parti del mondo.

Una giornata che ribadisce anche il giusto peso della donna nella società e che, velatamente, ci ricorda di ritagliare dei piccoli momenti quotidiani per noi stesse, perché a volte “per star dietro a tutti gli impegni, ci si dimentica di essere donna”.

SORELLANZA: L‘IMPORTANZA DELLA SOLIDARIETA’ TRA DONNE

Il potere della condivisione

L’8 marzo ci parla quindi di emancipazione, del coraggio che si deve avere per cambiare le cose e dell’unione, che indubbiamente costituisce la forza maggiore.

Un tratto importante di questa giornata, da non dimenticare nei restanti giorni dell’anno, è la sorellanza. L’alleanza tra le donne infatti, è il migliore scudo verso i pregiudizi esterni, che porta il segno della solidarietà, quella tra donne, che a volte è la prima a venire meno.

8 MARZO: LA MIMOSA COME SIMBOLO

Da tutti nota come il fiore da regalare alle donne, la mimosa venne scelta come simbolo ufficiale di questa giornata proprio da 3 grandi donne, alla fine della Prima Guerra Mondiale. Una scelta dettata dalla stagione di fioritura, che avviene sempre nei primi giorni di marzo ed al suo basso prezzo, accessibile anche “alle masse”. Il giallo, inoltre, è il colore che rappresenta il passaggio dalla morte alla vita, diventando così metaforadelle donne che si sono battute per l’uguaglianza di genere, rinascendo così più forti di prima.

La mimosa è infatti un fiore che cresce spontaneamente in molte parti d’Italia, così come la donna ha deciso di prendere in mano la sua vita e rivendicare i propri diritti. Un fiore economico, facile da reperire e alla portata di tutti, come sempre dovrebbe essere. Da allora, il rametto di mimosa è stato scelto come simbolo, in quanto rappresenta l’energia, la forza e la tenacia delle donne.

REGALARSI UN MOMENTO PER SE’

C’è sempre tempo per dedicare e dedicarsi

E come ogni giorno di celebrazione che si comandi, anche l’8 marzo è un’occasione per riunirsi e festeggiare con le amiche un momento speciale: con un brindisi, una cena, una coccola di relax o una serata in compagnia. Al ristorante, alla spa o davanti ad un buon calice di vino, la regola da non dimenticare è “dedicarsi del tempo prezioso”, per sorridere e amare sé stesse. Perché spesso, perse tra la frenesia del lavoro, della famiglia e dei mille impegni, ci si dimentica di essere donne.

Anche Picnic chic propone un brindisi tra donne con un calice di bollicine, per una serata tutta al femminile in Agriturismo. Una cena animata all’insegna del divertimento e del buon cibo, per non dimenticarsi di aver forza sì, ma anche di sorridere, e ancor meglio se in ottima compagnia.

Per chi si è costruita la strada da sola, per chi ha deciso di cambiare rotta, o per chi ancora ha preso in mano la sua vita dopo una caduta. Per chi non si sente amata o per chi ha deciso di essere forte da sola. Per ricordare di splendere ogni giorno e che non c’è cosa che non possiamo fare o uomo che ci possa calpestare, Buona festa delle donne!

Se scegliete un Picnic Chic, ricordatevi di lasciare una recensione della vostra esperienza sulla pagina FB Picnic Chic oppure taggateci sulle storie Instagram @picnic_chic_

IL SEGRETO PER LA FELICITÀ? SOGNARE A TUTTE LE ETÀ!

by Antonietta

Un altro compleanno è arrivato! Anno dopo anno, si spengono candeline e si esprimono desideri al vento, in attesa che vengano esauditi. Certo, non è cordiale chiedere l’età ad una donna, ma le si può chiedere come si sente arrivata fino a qui, ed io, senza pensarci risponderei “felice”. Felice per tutti i passi che ho fatto, da sola o in compagnia. Felice per una strada intrapresa con coraggio, e qualche timore e difficoltà, ma sempre affrontata con il sorriso. Felice perché, anche quando tutto sembra essere troppo difficile, trovo la forza in me stessa per ripartire.

QUAL’E’ IL SEGRETO DELLA FELICITÀ?

Non penso ci siano segreti per la strada della felicità. Io seguo semplicemente i miei istinti e mi concedo delle piccole pause rigeneranti, ancor meglio nella natura, per ripartire più carica di prima e riordinare le mie priorità della vita.

Mi definiscono energica, esplosiva e piena di risorse. Io forse aggiungerei anche un po’ “wild” e forse meno “chic”. Nella quotidianità non sto mai ferma, ho sempre mille cose da fare ed il mio animo da ragazzina mi porta a cercare di superare tutti gli ostacoli che incontro sul mio cammino.

Sono entusiasta dalla vita! Il nuovo non mi spaventa, anzi, mi motiva a cercarlo e farlo mio. Mi piace dar vita a nuovi progetti, essere innovativa e perché no, lanciare nuove mode.

Sono convinta che non si debba mai perdere lo spirito da bambino. Quello che ci fa guardare il mondo con occhi ingenui ma meravigliati. Il soffione rappresenta al meglio questa mia idea. Quando lo soffi, regala senso di gioia e spensieratezza, che ognuno dovrebbe avere o riscoprire in sé. Per me il soffione rappresenta la voglia di viaggiare, di lasciarmi trasportare dal vento, un po’ timorosa ma sempre più impavida.

UN BRINDISI ALLE NUOVE AVVENTURE

5 anni fa ho deciso di imbarcarmi in una nuova avventura e mi sono reinventata, per seguire una filosofia di vita e le mie passioni. A guardarmi indietro, quanta strada ho fatto e quanta strada ancora mi aspetta da percorrere! Passo dopo passo, spuntando voci dalla lista.

Per questo nuovo compleanno, che cade all’inizio di un anno pieno di progetti e nuove avvenute, ho un semplice augurio, che faccio a me stessa e a tutti voi. Il mio augurio è di aver coraggio sempre! Perché se nessuno crede in voi, dovete farlo prima voi stessi!

Ora vado, corro a spegnere le candeline, sognando mille nuove avvenute, che spero potremo vivere assieme!

Per seguire tutti i miei viaggi, gli aggiornamenti e gli eventi che verranno, consultate sempre i nostro sito e rimanete connessi con le nostre reti social instagram @picnic_chic_ e facebook .

FRILUFTSLIV – VIVERE ALL’ARIA APERTA PER ESSERE FELICI

by Antonietta Acampora

 

Una parola che all’apparenza potrebbe sembrare molto complessa, soprattutto alla lettura, friluftsliv  significa letteralmente “vita all’aria aperta” nella lingua norvegese. Paese per eccellenza nordico, conosciuto per i magnifici paesaggi innevati e le basse temperature, l’amore dei norvegesi per la vita all’aperto si concentra in questa parolina dal grande significato.

Un concetto ed una filosofia di vita che dovremmo forse prendere in prestito, o fare un po’ nostro: quello di un approccio esistenziale inclusivo, che lega la felicità dell’uomo ai fili connettivi della natura.

Questa ideologia viene applicata dai paesi nordici durante l’arco di tutto l’anno, permettendo di sfruttare la natura e le sue bellezze anche con le temperature più rigide, ma che riservano grandi spettacoli.

 

 

LA MIA FILOSOFIA DI VITA, COME IL FRILUFTSLIV

 

La mia filosofia di vita, da sempre a contatto con la natura, è molto simile a quella nordica. Ho sempre cercato, sin da piccola, di sfruttare ogni momento per vivere a contatto con l’ambiente e coglierne ogni sua bellezza. Dal sole caldo d’estate, al colore delle foglie in autunno e dei fiori in primavera, sino al riflesso della neve in inverno. Ogni stagione ci riserva le sue meraviglie e sarebbe sprecato non viverle a pieno.

Anche durante le giornate invernali al mare, io preferisco mangiare in riva, seduta con il viso rivolto al sole e il luccichio delle onde. O ancora correre in riva al fiume, anche con la pioggia, che rende tutto più magico, e anche un po’ meno faticoso. Per non parlare della montagna in inverno, che regala emozioni uniche, che solo chi si avventura un po’ più in là della sua porta può scoprire e ricordare.

 

 

LA CELEBRAZIONE DELLA VITA ALL’ARIA APERTA E LA CONNESSIONE CON LA NATURA

 

Friluftsliv è infatti la celebrazione della vita all’aria aperta, indipendentemente dalle previsioni del tempo. È l’invito a stare di più all’aria libera, evitando quando possibile i luoghi chiusi e affollati. Offre un’alternativa, piena di ispirazioni, allo stare rinchiusi in casa. Non è un’attività, ma proprio uno stile di vita. È connessione con l’ambiente circostante e armonia con la natura, è regolare il nostro ritmo a quello della natura per il nostro benessere fisico e mentale.

Dalle corse nei prati, alle gite in bicicletta, ai campeggi nella natura, sino ai bagni nei ruscelli e all’ammirare le stelle di notte in spiaggia, con una coperta ed un cannocchiale alla mano. Non importa se piove o fa freddo, o magari troppo caldo, secondo gli esperti trascorrere del tempo all’aria aperta ci rende estremamente felici e sereni.

Bastano solo poche ore a settimana per essere felici nella natura, e allora, cosa aspetti a provarci anche tu?

 

 

Per seguire tutti i miei viaggi, gli aggiornamenti e gli eventi che verranno, consultate sempre i nostro sito e rimanete connessi con le nostre reti social instagram @picnic_chic_ e facebook .

 

48h da sogno sulla Costa dei Trabocchi: una cartolina dai sapori antichi

by Antonietta Acampora

 

Ad inizio ottobre, per interrompere la frenesia della quotidianità e godere delle ultime giornate di caldo sole, assieme ad Elisa, amica e picnicker sfegatata come me, abbiamo deciso di prenderci un paio di giorni per esplorare la meravigliosa Costa dei Trabocchi in Abruzzo e respirare l’aria genuina del mare e della campagna.

Il nostro soggiorno è stato all’insegna di un bike tour sulla Costa, con meta finale la visita all’azienda Marchioli Wines, in provincia di Chieti.

Partite da Bergamo con volo low cost ed atterrate a Pescara, abbiamo noleggiato una macchina e recuperato le biciclette, che sarebbero state il nostro mezzo di trasporto per i nostri due giorni di avventura. La calda accoglienza del posto e della gente locale, ci ha subito dato il benvenuto e fatto sentire a casa.

 

 

LA PEDALATA IN RIVA AL MARE

 

Armate di grinta e spirito d’avventura, outfit sportivo e zainetto in spalla, siamo montate in sella alle nostre bike e, pedalata dopo pedalata, ci siamo trovate immerse in un ambiente fiabesco. Non sono sicura che le parole possano davvero far trasparire la bellezza del posto e l’atmosfera in cui ci trovavamo. Una strada a curve, che si perde all’orizzonte sul filo del mare. Da un lato il verde del campo ed i borghi medievali, dall’altro questi piccoli pontili a picco sul mare, una volta sede dei pescatori, ora adibiti a tipici ristorantini locali. Il luccichio delle onde, i gabbiani ed il profumo della salsedine tutto intorno a noi.

 

 

“Protendono verso il mare, lo sorvegliano, come guardiani silenziosi della costa adriatico” così vengono definiti i trabocchi, quelle palafitte autoctone disseminate lungo il litorale. Questi conservano la memoria e la storia delle famiglie dei pescatori più poveri della zona, che utilizzavano le casette per l’attività della pesca. Ora convertiti dai proprietari in ristoranti, offrono ai passanti ristoro con piatti tipici della cucina abruzzese ed una vista mozzafiato sul mare.

 

UNA PAUSA PRANZO RIGENERANTE

 

La pausa pranzo ci ha riservato una momento altrettanto speciale: un tavolo vista mare per due, sotto al caldo sole di ottobre, mangiando sarde fresche e sorseggiando del buon vino. Entrambe amanti dell’aria aperta e della vista, abbiamo deciso di sederci con il viso rivolto verso il mare, per godere dello spettacolo e del luccichio delle onde.

 

                             

 

MARCHIOLI WINES

 

Partite da Ortona sino a Torino di Sangro, siamo finalmente arrivate alle vigne di Marchioli Wines, luogo perfetto per una degustazione di prodotti km 0 in totale relax e tranquillità.

Gianluca, il titolare, ci ha accolte con un insieme di assaggi letteralmente da “leccarsi i baffi” e ci ha fatto accomodare su balette di fasci realizzati con gli scarti delle vigne, all’ombra di una veranda. Una vespa d’epoca accanto a noi, immerse nel verde delle vigne, faceva da contorno alla nostra esperienza culinaria, riportandoci un po’ alle epoche passate.

 

 

“Posto che vai, tradizione che trovi” ed è proprio quello che mi piace scoprire durante i viaggi fuori porta. Anche stavolta abbiamo potuto godere di piatti tipici, preparati appositamente per noi, dalla madre e moglie di Gianluca: sul tagliere il fiadone, la frittata rustica con verdure, la ventricina abruzzese ed il salame nostrano. Olio e vini di produzione locale, quelli che Gianluca tratta e cura in prima persona. Taralluccio di Castelborghino, Cerasuolo e Montepulciano d’Abruzzo sono alcuni dei vini assaggiati ed assaporati. Da una parte le vigne, dall’altra gli uliveti, e noi, immerse in quella cartolina dai sapori antichi.

 

 

Nel tardo pomeriggio, dopo aver goduto del cibo locale e del buon vino, Gianluca ci ha introdotto all’esperienza della vendemmia, con una piccola raccolta d’uva, pigiatura e spiegazione delle varie fasi del processo.

 

 

A fine giornata, con la promessa di rivederci presto, lo abbiamo salutato e siamo partite per la via del ritorno, così felici da non sentire la stanchezza della giornata.

 

UN RICORDO INDELEBILE

 

L’esperienza dei trabocchi è stata così emozionante da essere un ricordo indelebile. Una vista da togliere il fiato abbinata alla genuinità delle persone e dei prodotti. La vera tradizione che si nasconde dietro alle cose più piccole. Una pista lungomare di 44 km andata e ritorno contornata da colori e profumi degni di un dipinto.

L’esperienza che vorrei portarmi dentro e portare avanti nel futuro, per proporla, promuoverla e far sì che tutti la possano vivere, è proprio il fatto di percorrere la costa in bici, sino ad arrivare, dopo il percorso mozzafiato, a godersi una rilassante degustazione. Un insieme di esperienze diverse, tutte in una sola giornata, da colmare vista e gusto.

Dobbiamo sempre ricordarci che ogni Azienda ha un immenso potenziale interno, quasi da non rendersene nemmeno conto. È proprio per questo motivo che da anni porto avanti l’iniziativa del visitare queste realtà, scoprendo i punti di forza di ognuna di loro, per condividerli poi con chi, curioso come me, vuole godere delle esperienze più disparate e farne tesoro.

Due giorni e 44 km in bici dopo, siamo tornate a casa ricaricate di energia e vitalità. Le gambe stanche, ma gli occhi pieni di colori ed i profumi nel cuore.

 

Per seguire tutti i miei viaggi, gli aggiornamenti e gli eventi che verranno, consultate sempre i nostro sito e rimanete connessi con le nostre reti social instagram @picnic_chic_ e facebook .

VISITA AL FRANTOIO “COLLI DEL POETA” TRA LE COLLINE DI ARQUA’ PETRARCA

by Antonietta Acampora

 

A fine settembre ho deciso di andare a far visita ad Alice, una delle proprietarie e socie del noto Frantoio Colli del Poeta in provincia di Padova, per un’esperienza immersiva nel mondo delle olive e della loro lavorazione.

In un piccolo angolo del Veneto, nel bel mezzo delle colline che circondano il borgo medievale di Arquà Petrarca, si trova questo piccolo mondo di tradizioni, che ha tanto da dare e raccontare a chi si addentra da straniero. Immersi in un’atmosfera da fiaba, passando per le verdeggianti colline, ecco che si arriva al frantoio, dove Alice mi aspettava col suo travolgente entusiasmo.

 

La produzione e lavorazione delle olive

 

Ettari sconfinati di ulivi mi hanno accolto e avvolto in un pomeriggio indimenticabile. Con Alice ho avuto la possibilità di entrare nel pieno della produzione e lavorazione della materia prima. Dalle olive si ricavano infatti non solo il comune e più conosciuto olio extra vergine di oliva, bensì prodotti di bellezza, creme e liquori di vario genere. Tre linee di prodotti in grado di soddisfare esigenze, preferenze e gusti di tutti i consumatori.

La distesa di ulivi

Il laboratorio di produzione e lavorazione

5.640 ulivi suddivisi in 3 tipologie: dagli alberi secolari, a quelli di età intermedia fino agli alberi più giovani, da cui si ricavano 6 tipologie di olio dal più al meno pregiato e saporito. Differenti gusti, profumi e nouances che avvolgono e travolgono il palato.

 

3 tipologie di olio extra vergine di oliva “Colli del poeta” 100% italiano

 

L’apertura delle porte al pubblico

 

Alice ci racconta la storia del Frantoio, nato nell’ormai lontano 2003, che deve il nome al poeta Francesco Pertrarca, il quale trascorse nel Borgo di Arquà gli ultimi intensi anni di vita. A quasi 20 anni dalla fondazione del frantoio, Alice e soci decidono di ampliare l’attività e di permettere ai visitatori di conoscere questo mondo, aprendo le porte al pubblico e permettendo loro di fare esperienze sensoriali. Dalla passione continua per la propria terra ed il proprio lavoro, nascono quindi le proposte di picnic e le collaborazioni che offrono la possibilità di conoscere l’azienda, il territorio circostante e la realtà contadina ricca di bellissime tradizioni locali.

 

Il picnic negli uliveti

 

La Merenda veneta e il brodo di giuggiole

 

Una delle tradizioni che maggiormente mi ha colpito e conquistato è la “Merenda veneta”, che forse di merenda ha poco, ma è esattamente quello che piace a me! Sul piatto di un tagliere viene servito un bicchiere di vino rosso, una selezione di formaggi ed un pezzo di pane con olio. Ingredienti genuini a km 0 da gustare con un paesaggio mozzafiato, per non arrivare a sera con il “buco nello stomaco” e perché no, per soddisfare qualche voglia.

Il tagliere della Merenda veneta

 

Un altro prodotto e tradizione regionale che ho conosciuto da piccola e poi riscoperto in età adulta, è quella delle giuggiole. Un frutto forse dimenticato o poco rinomato, la giuggiola, presenta l’aspetto di un dattero ancora acerbo di colore marroncino e dal dolce sapore. Molto conosciute nel Veneto, ora si trovano persino al mercato, dove vengono vendute al pezzo o al chilo. La loro vendita si presenta quasi esclusivamente in ambito di produzione locale, che rappresenta il motivo principale della loro rarità, non essendoci coltivazioni intensive.  Dalle giuggiole si ricavano poi conserve e liquori, da cui deriva il famoso “brodo di giuggiole”. Negli ultimi anni, dove l’aperitivo ha un grande posto all’interno della via mondana, le giuggiole sono state utilizzate per crearne un caposaldo, il rinomato Spritz, che vede quindi una sua variante con aggiunta del piccolo frutto.

 

La giuggiola

 

Prodotti locali e degustazioni hanno caratterizzato la mia visita al Frantoio, da cui porto a casa il ricordo di una bellissima realtà familiare che mantiene il contatto con la terra e con i prodotti a km 0. Il tutto avvolto nell’atmosfera e luce di settembre che, riflessa tra i filari di ulivi, ha reso l’esperienza ancor più magica.

 

 

Per seguire tutti gli aggiornamenti e gli eventi che verranno, consultate sempre i nostro sito e rimanete connessi con le nostre reti social instagram @picnic_chic_ e facebook .